Ultime

Le ultime notizie dal Team Joomla!

INNAMORATI DEL NATALE

SANTUARIO SANTA MARIA DELLA GROTTELLA

Anche quest’anno, grazie alla disponibilità dei dirigenti, dei docenti e degli alunni degli Istituti Comprensivi di Copertino, è stato possibile ri-vivere il Natale alla Grottella nel ricordo della grande tenerezza che Tale Mistero procurava al nostro S. Giuseppe.

Gli alunni dei tre Istituti Scolastici, magistralmente guidati dai docenti, hanno presentato alla Grottella, secondo un calendario prestabilito, il proprio Concerto di Natale, facendo vivere al pubblico presente momenti di forte emozione attraverso i canti, le poesie ed i versi usati cantare e recitare dallo stesso san Giuseppe nella contemplazione del Figlio di Dio nato a Betlemme e da lui opportunamente chiamato “il Bambinello”.

In particolare quest’anno, il programma “Innamorati del Natale” alla Grottella si è anche inserito nel quadro delle celebrazioni del 250° della Canonizzazione del nostro S. Giuseppe ed ha rappresentato perciò un doveroso ma sentito omaggio espresso dagli alunni al nostro Santo, con la semplicità che li contraddistingue.

Sotto lo sguardo materno della “Mamma della Grottella” la sera del 18 dicembre hanno esordito i ragazzi delle classi 4e di Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo “G. Falcone” con la rappresentazione teatrale dal titolo “San Giuseppe cantore del Natale”, durante la quale essi hanno ripreso versi e melodie che san Giuseppe con gioia e gaudio esprimeva in chiesa la notte di Natale davanti a Gesù Bambino.

Grandissima è stata la partecipazione dei genitori in una serata ricca di emozioni durante la quale gli alunni hanno dimostrato, attraverso il loro lavoro, l’impegno e la gioia nell’approfondire la conoscenza dell’umile frate che volava con le ali della Fede.

Il 20 dicembre è stata la volta degli alunni delle classi 4e A – B – C dell’Istituto Comprensivo Poli 1 i quali hanno raccontato la sensibilità e l’amore di Fra Giuseppe verso il Bambino Gesù “... lo accarezzava, lo copriva di baci e di lacrime, fino a sollevarsi da terra ...”. In particolare, hanno voluto sottolineare quanto lo stesso Fra Giuseppe ci tenesse ogni anno a ricreare il clima natalizio nei luoghi dove dimorava: alla Grottella infatti era solito invitare i pastori e questi vi si recavano con zampogne e fischietti, ad Assisi e ad Osimo invece, all’inizio dell’Avvento, dopo aver adagiato una statua del Bambino Gesù tra Giuseppe e Maria, invitava i confratelli al canto della ninna – nanna.

Il Coro dell’Istituto, inoltre, attraverso i vari canti, ha voluto descrivere uno scambio di regali del “Folletto Natalino” per lanciare il seguente messaggio: “Un Natale con più Amore e meno regali”, mirato a far comprendere, soprattutto ai bambini “non poveri” quale è il vero senso del Natale.

Il 28 dicembre infine il Coro “Fantasie di voci” dell’Istituto Comprensivo “San Giuseppe da Copertino”, in collaborazione con gli alunni delle classi 4e della Scuola Primaria, protagonisti ogni anno del “Progetto S. Giuseppe”, hanno dato vita al Concerto di Natale dal titolo “Insieme”, per manifestare la bellezza dello stare insieme e augurare a tutti serenità, gioia e pace.

Per rendere più suggestivo il tutto, gli alunni delle classi 4e hanno rappresentato la NATIVITÀ dinanzi alla quale sono stati declamati i versi scritti dal nostro S. Giuseppe, rivivendo così la Nascita di Gesù, proprio come tanti anni fa.

La magia del canto ha poi pennellato di dolcezza e di brio la calda atmosfera creatasi attorno al Bambino Gesù lasciando che la Sua luce portasse speranza e conforto a chi è solo, perseguitato, dimenticato.

Ognuna delle tre serate è stata unica ed emozionante.

Per finire, una considerazione e una sottolineatura.

La prima: attraverso la dolcezza delle melodie e la profondità spirituale dei versi natalizi si è potuto recuperare (i non più bambini) per qualche momento l’incanto della MERAVIGLIA oggi fin troppo appannata dalla crescente FRENESIA quotidiana e dalla proporzionale INDIFFERENZA verso tutti e verso tutto. Nel riproporre le pillole di sapienza del nostro Santo, i ragazzi ci hanno riportato alla Sua Scuola dove si imparano quelle cose belle che producono la gioia vera;

la seconda: importantissima nota d’appendice merita il perseverante impegno che gli studenti di Copertino continuano a profondere in questi ultimi tempi, attraverso le varie manifestazioni promosse a scuola, per la raccolta fondi pro-lavori di restauro del Santuario “S. Giuseppe da Copertino”. Quanto raccolto in queste tre sere è stato devoluto ancora una volta a tale scopo. A loro, ai Dirigenti ed ai Docenti va tutta la gratitudine dei Frati Minori Conventuali, certi che S. Giuseppe li saprà ampiamente ripagare in qualità di PROTETTORE negli studi e soprattutto nella vita.

Copertino, 17 gennaio 2018

Antonio Leo

 

Inaugurato il Centro Documentazione San Giuseppe da Copertino

Il 19 dicembre 2015, alle ore 17.30, è stato inaugurato il Centro di documentazione s. Giuseppe da Copertino, allestito presso il Santuario Santa Maria della Grottella ed il cui intervento rientra tra le attività svolte dal GAL Terra d’Arneo nell'ambito del Progetto di cooperazione “Cammini d’Europa: rete europea di storia, cultura e turismo”; è stato realizzato attraverso la collaborazione dei Frati Minori Conventuali, l’Associazione Amici della Grottella, il Gal terra d’Arneo che cura la valorizzazione del territorio attraverso itinerari culturali, storici, religiosi e turistici. Il Gal, con appositi finanziamenti, ha curato il recupero della Sala del Pellegrino del Convento s. Maria della Grottella, in Copertino, dotandola di computer e videoproiettori per permettere, a pellegrini e studenti delle scuole, di poter conoscere meglio la figura di s. Giuseppe da Copertino, in sinergia con il lavoro di ricerca di Alessandra Marulli sul percorso iconografico e di piattaforma e inserimento dati di Giuseppe Macchia.

All'inaugurazione era presente il vescovo di Nardò-Gallipoli, mons. Fernando Filograna, che ha benedetto la Sala, il ministro provinciale dei frati minori conventuali di Puglia, fr. Michele Pellegrini, l’assessore regionale al Lavoro e Formazione, dott. Sebastiano Leo, il sindaco di Copertino, prof.ssa Sandrina Schito, il presidente del Gal, dott. Cosimo Durante e il presidente degli Amici della Grottella, fr. Vincenzo Giannelli, guardiano e rettore dei santuari copertinesi. Tutti hanno rimarcato l’importanza di questo evento che mette insieme il desiderio di più enti di pubblicizzare e valorizzare la figura del Santo di Copertino all'interno del territorio salentino, meta ogni anno di migliaia di visitatori e per avvicinare sempre più il mondo della scuola con questa figura di santità del seicento, ancora poco conosciuta.

Dopo la presentazione, è stato firmato un protocollo d’intesa tra il Gal e gli Amici della Grottella che si occuperanno della fruizione del Centro documentazione attraverso i soci volontari, permettendo nel corso della settimana di accogliere pellegrini, turisti e scolaresche con un percorso josephino per entrare nella bellezza del Santuario di s. Maria della Grottella attraverso la figura di s. Giuseppe che vi ha dimorato per oltre tredici anni.

L'invito alla inaugurazione del Centro

La targa di identificazione del Centro Documentazione

taglio del nastro

dott. Durante, prof.ssa Schito, fr. Pellegrini

fr. Giannelli, dott. Leo, dott. Durante, prof.ssa Schito, fr. Pellegrini, mons. Filograna

una visita nel Centro da parte di studenti


 

PERMANENZA DEL CORPO DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO NELLA SUA CITTA'

PERMANENZA DEL CORPO DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO NELLA SUA CITTÀ: 23 FEB - 3 APR 2013

40 giorni speciali con san Giuseppe

Se fosse un cantante si direbbe che "va in tour". Ma siccome è un santo, allora "va in peregrinatio", pellegrino qua e là anche da morto. Si tratta di san Giuseppe da Copertino, vissuto tra il 1603 e il 1663, metà a Copertino e metà in giro per conventi del centro Italia.

Una vita avventurosa come un romanzo, vissuta nell'umiltà e nell'obbedienza, perché "l'obbedienza, diceva, è la carrozza per il paradiso". Una vita a tutta prova, arricchita dai carismi divini. Il più appariscente è il volo: levitazione orizzontale, dicono i teologi mistici. Unico tra i santi della Chiesa. Tutti sanno che è "il Santo dei voli". Acclamato dal popolo, processato e assolto dall'Inquisizione, poi  per sempre segregato nei conventi.

Leggi tutto...